Apr 13, 2005 (CIDRAP News) – La società che ha inviato i campioni di virus influenzale che ha causato il 1957 pandemia di influenza a migliaia di laboratori a conoscenza dell’identità del virus, ma a quanto pare assunto non era pericoloso a causa della sua attuale classificazione di sicurezza, i funzionari hanno detto oggi.

Meridian Bioscience di Cincinnati ha inviato campioni di influenza A (H2N2) a migliaia di laboratori, per lo più negli Stati Uniti, in kit utilizzati dai laboratori per testare la loro capacità di identificare i virus. I kit di test sono stati inviati per conto del College of American Pathologists (CAP) e di altre tre organizzazioni professionali.

In una teleconferenza questo pomeriggio, CAP portavoce Dr. Jared Schwartz ha detto Meridian sapeva che cosa il virus era, ma credeva che fosse sicuro. Nella sua selezione, la società aveva stabilito che il virus è stato classificato come un livello di biosicurezza 2 (BSL-2) agente, il che significava che potrebbe legalmente essere utilizzato nei kit, ha detto. Rapporti precedenti hanno suggerito che il virus potrebbe essere stato erroneamente etichettato.

“Ora sappiamo che sapevano che era un virus H2N2; se il college lo sapesse, non avremmo permesso loro di inviare un H2N2, anche se è classificato come livello di biosicurezza 2”, ha detto Schwartz.

In seguito ha aggiunto: “Non sappiamo quale fosse il processo decisionale. Sembra essere stato un errore di giudizio nell’invio di un organismo che non era stato visto negli Stati Uniti o in altri paesi in molti, molti anni.”

Ma Schwartz e funzionari della sanità federale ha detto oggi il virus pone molto poco rischio per i lavoratori di laboratorio e il pubblico.

In una teleconferenza separata, Dr. Julie Gerberding, direttore dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), ha detto che i kit di test contenenti il virus sono stati inviati a partire dallo scorso settembre. “Vogliamo rassicurare il pubblico che non abbiamo prove di alcuna minaccia per la salute per nessuno nella comunità a causa di questo” e nessuna prova di malattia nei lavoratori di laboratorio, ha detto. “Abbiamo un’ottima sorveglianza per l’influenza negli Stati Uniti e non abbiamo osservato alcun modello insolito di influenza quest’anno. . . . Se fosse emerso un insolito virus influenzale, lo sapremo sicuramente ormai.”

Il CDC ha notificato il TAPPO della situazione 8 aprile e ha chiesto all’organizzazione di informare i laboratori e dire loro di distruggere i campioni di virus, Schwartz ha detto. “Abbiamo chiesto loro di firmare un pezzo di carta che attesta che hanno distrutto il virus. Abbiamo già ricevuto oltre 1.500 di loro”, ha detto.

Schwartz e Gerberding hanno detto che il virus H2N2 utilizzato nei kit era un ceppo di riferimento, il che significa che era stato utilizzato nei laboratori come campione di controllo qualità per anni. Gerberding detto ceppi di riferimento spesso diventano meno virulenti nel tempo. “È possibile che questo ceppo di virus rappresenti un rischio molto basso di efficienza di trasmissione nel pubblico”, ha affermato. “Ma dobbiamo sbagliare sul lato della cautela.”

Gerberding ha detto che non era esattamente chiaro perché Meridian ha scelto il virus H2N2, ma ha commentato: “Probabilmente era una situazione in cui i vantaggi dell’utilizzo di un ceppo che cresce bene e può essere facilmente manipolato in laboratorio erano la forza trainante.”

Il CAP ha incaricato Meridian di includere un virus dell’influenza A nei suoi kit di test, ma non ha specificato il tipo oltre a questo, secondo Schwartz. D’ora in poi il collegio prevede di dare istruzioni più specifiche, ha detto.

Gerberding ha spiegato che per l’accreditamento, i laboratori in genere devono solo dimostrare di poter determinare se un virus è l’influenza e se è di tipo A o B. “Ecco perché non lo abbiamo appreso prima”, ha detto.

La situazione è stata scoperta a marzo dal Laboratorio nazionale di microbiologia del Canada a Winnipeg, Man.

Prima che il problema venisse alla luce, il CDC aveva fatto una raccomandazione che il virus H2N2 fosse riclassificato come agente BSL-3, ha detto Gerberding. Ha promesso di accelerare la riclassificazione. Il CDC determina le classificazioni in collaborazione con il National Institutes of Health.

Nei laboratori BSL-3, gli agenti vengono gestiti con apparecchiature progettate per prevenire qualsiasi contaminazione aerea e conseguente esposizione respiratoria, ha affermato Gerberding. Le precauzioni di livello 2 sono meno severe, ma possono anche proteggere i lavoratori dall’esposizione respiratoria quando vengono seguiti correttamente, ha aggiunto.

Categorie: Articles

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.